loading
Mercato immobiliare segmento residenziale

Il Covid inverte trend storici. La domanda di casa oggi è al Sud Italia.

La novità assoluta del2020, già ampiamente preannunciata, è la conferma di un trend che rappresenta un assoluta controtendenza rispetto al quadro storico.

I numeri registrati per il Mercato immobiliare vedono nel segmento residenziale una decisa, marcata, crescita per il mercato immobiliare, nelle provincie del sudItalia.

Fenomeno che si consolida, per effetto del lockdown, dovuto alla pandemia e dal debutto del lavoro agile, del tele lavoro, o lavoro a distanza o “smart “.

Vengono meno le abitudini legate all’orario di lavoro e il costante ricorso agli spostamenti in auto, in treno o altri mezzi pubblici. Cambiamenti sostanziali nella vita delle famiglie.

Un’occasione per alcun prima considerata impossibile. Far ritorno ai luoghi di origine, lavoratori e studenti oggi non più vincolati e costretti a vivere a ridosso di Uffici, Aziende e Università.

Si aggiunge come punto di grande forza l’evidente e ovvio miglior rapporto fra qualità della vita tipica del Meridione ed il minor costo delle abitazioni.

I prezzi più bassi, rendono la “casa dei sogni” accessibile. Spazi ampi, comodità ormai considerate necessarie, sono al sud Italia alla portata di famiglie con redditi minori, grazie ai mutamenti indotti dal lavoro a distanza. Modalità imposta da Aziende ed Enti pubblici i cui benefici a cascata determinato un forte gradimento da parte degli stessi lavoratori.

E’ una scelta che coinvolge molti se non tutti, anche gli studenti universitari beneficiati dall’introduzione della didattica a distanza, DAD.

Questo Trend ovviamente non potrà che aumentare e consolidarsi alla luce del blocco che si delinea per i mesi a seguire, fino al rilascio di un vaccino per bloccare il fenomeno pandemico.

E’ più di un cambiamento, per molti versi una mutazione che per fortuna alla luce delle considerazioni espresse non ha solo aspetti negativi. Anzi potrebbe ridurre le distanze e le differenze fra il Nord ed il Sud in Italia.

Passiamo ai numeri che descrivono in sintesi ciò che si rileva nel mercato immobiliare a partire dal gennaio 2020.

Case in vendita

I dati nei Report degli operatori di settore, dimostrano che da gennaio 2020 ad oggi, la domanda di immobili è cresciuta del +21%.

La crescita riguarda le città del Meridione. Catania registra un incremento del +59%, Napoli del +32%, Milano al contrario un -31%, Bologna giù del -29%.

Stilando una classifica per le migliori performance registrate, le provincie che registrano i dati migliori sono: Barletta-Andra-Trani (BAT) con un +60% rispetto all’anno precedente (2019). Segue Rieti con un +56%, Agrigento 55%, Reggio Calabria ed Enna con un + 50%, Nuoro +45%, Catanzaro +43%, Ascoli Piceno 41%, e Catania +40%. Chiudono la classifica Matera, Potenza e Fermo con un performance comunque del +36
Case in affitto

Le province del sud Italia, sono quelle che registrano i migliori risultati. Il mercato immobiliare residenziale è trainato nel 2020 dalla ricerca di Case al Sud.

Tre le 106 province italiane 65 di queste registrano performance positive e tra queste ben la metà degli incrementi riguardano provincie del centro-sud (35).

Brindisi+60%,registra la migliore performance per la domanda per affitto., seguono Crotone e Vibo Valentia, rispettivamente con il +58% e il +56%. Alle loro spalle troviamo Catanzaro +52%, Nuoro +50%, Isernia +9%, Teramo +48% e Agrigento+39%. Le uniche due province del nord Italia a rientrare in questa top ten sono Savona e Torino con il +30% rispetto a gennaio 2020.

Tra le provincie le cui richieste per immobili in affitto sono in netto calo, spiccano Pesaro Urbino -40%, Pordenone -41% e Benevento -44%.

Milano, oggi pur non segnando il peggior risultato in assoluto, con il -32%, registra un quasi tonfo assieme a Bologna e Brescia-24%, Padova-12%.

Vediamo nel dettaglio Il trend di domanda per acquisto e affitto per le aree metropolitane.

in tutti i principali centri italiani la domanda per l’acquisto è ripresa a ritmo sostenuto dopo il lockdown . Le città con i migliori risultati sono: Verona +59%, Catania +50 e Genova +32%. Roma segna un +25%, un deciso incremento dopo i primi mesi del 2020. Milano invece con -10%, in questo caso arranca.

Gli affitti, valutati per le città metropolitane confermano come il ricorso allo smart working determini diminuzioni. I cali per Milano -31% e Bologna -29%, cui fanno da contraltare i consistenti incrementi di Catania +59% e Napoli 32%.

Segnali di una vitalità del mercato che dal Nord si sta spostando verso Sud.

Contattaci e segui gli aggiornamenti di Agenzia Immobiliare Messina3, per conoscere in anteprima le nostre Proposte per Case in vendita o in affitto. Il catalogo immobili, viene aggiornato con costanza.

Seguici via web, socialse via app mobile, per valutare insieme ai nostri consulenti la soluzione migliore per te. Immobiliare Messina3. La tua Casa è al centro dei nostri interessi.

Hai già aggiunto la proprietà di 0

Login

Register